Alchimia del Sole

ABBANDONA LE ETICHETTE; E LIBERATI ALLA VERA ESSENZA DELLA VITA.

Sono molti i veleni che possono condurci verso una crescente sofferenza. E tra questi, senza alcun dubbio, si annida l’abitudine dannosa di etichettare.

Per “etichettare” ovviamente, intendo dare una sorta di definizione o forma, a ogni aspetto che ci circonda. Per esempio, le persone le cataloghiamo come “buone” o “cattive“, “ricche” e “povere“. Lo stesso avviene per gli eventi che si susseguono nella nostra vita, che tendiamo a classificare come “positivi” oppure “negativi“. E facciamo infine lo stesso persino con gli animali e gli oggetti che ci appartengono e no.

Questo modo di etichettare ci aiuta a percepire il nostro mondo in modo più facile e diretto. E allo stesso tempo ci permette anche di plasmare le nostre decisioni e le nostre interazioni in base a queste categorizzazioni.

Tuttavia questo stesso approccio dal lato opposto, limita profondamente la nostra visione del mondo e la nostra capacità di vivere appieno la nostra vita. Perché inevitabilmente, ci imponiamo di osservare il mondo intero solo attraverso una piccola serie di parole e sfumature di bianco, grigio e nero. Perdendo così la vera essenza di ogni cosa.

PERCHÉ SIAMO COSI ABITUATI A ETICHETTARE LE PERSONE, GLI EVENTI E LE COSE?

Lo facciamo semplicemente perché durante un particolare momento della nostra infanzia abbiamo imparato a farlo e da allora, lo abbiamo mantenuto attivo ogni singolo giorno della nostra vita. 

Quando siamo piccoli, infatti, hai nostri occhi tutto è magico e speciale. Ci immergiamo nelle forme, nei colori e nelle parole altrui, e non c’è alcun limite a ciò che stiamo vivendo. Anche un piccolo animale come un uccello o un insetto, avvolto nei suoi brillanti colori, è in grado di sorprenderci.

Tuttavia, crescendo avviene un cambiamento che adottiamo principalmente dalla nostra famiglia. Da loro infatti impariamo ad etichettare ogni cosa, con la conseguenza che ora, invece di prestare attenzione alle cose con gli occhi dell’innocenza, le osserviamo con l’obiettivo di classificarle. E in quello stesso momento, ogni cosa inizia a diventare uguale e semplicemente cessa di essere speciale.

Infatti non ci fermiamo più a osservare le singole cose, ma le classifichiamo per specie, dimensione o altro. Annullando completamente il valore e il piacere di poterci spingere nuovamente oltre quella semplice categoria che la definisce.

E da grandi, più che mai abbiamo adottato completamente l’abitudine di etichettare le persone in base alla cultura, al lavoro, alle credenze che hanno. Etichettiamo anche gli animali in base alla specie: cani, gatti, uccelli… E facciamo la stessa identica cosa con tutto ciò che è in natura, come gli alberi, i fiori e gli insetti. Ogni cosa ha smesso di essere unica ed è stata semplicemente generalizzata.

LO FACCIAMO ANCHE; E SOPRATUTTO VERSO NOI STESSI

Questo malsano modo di agire non riguarda solo ciò che è esterno a noi, ma anche ciò che abbiamo dentro di noi. In modo particolare verso ciò che siamo.

Ci distinguiamo infatti in base al nostro carattere, alla ricchezza che possediamo, al nome, alla cultura al nostro passato e al lavoro che abbiamo. E crediamo fermamente che queste etichette possano definirci come esseri umani.

Tuttavia, come nei precedenti esempi, questo atteggiamento non fa altro che limitare anche la nostra scoperta di noi stessi e della nostra vera essenza. Perché di fatto queste non possono essere le cose che ci definiscono realmente, così come non lo sono gli obiettivi e i sogni che desideriamo raggiungere nella vita.

LE ETICHETTE LIMITANO LA TUA PERCEZIONE DELLA VITA

NON ETICHETTARE PIÙ LE PERSONE E LE COSE INTORNO A TE. SOLO COSÌ SARAI DAVVERO LIBERO.

Quando etichettiamo, vediamo il mondo attraverso una lente distorta e ristretta. Di conseguenza, se definiamo un momento come “buono”, lo vivremo felicemente; ma se lo giudichiamo “cattivo”, allora soffriremo. 

E non solo: se etichettiamo persone, animali e cose, la nostra intera esperienza si baserà su valutazioni superficiali, influenzando così la nostra vita quotidiana.

Tuttavia, poiché si tratta principalmente di un’abitudine che abbiamo semplicemente adottato, possiamo cambiarla adottando una maggior consapevolezza nei momenti in cui ci ritroviamo a farlo. 

COME FERMARE L’ABITUDINE DI PORRE ETICHETTE

Inizia osservando le cose più semplici che ti circondano, prestando particolare attenzione a te stesso e alla tua mente. La tua prima reazione sarà probabilmente quella di classificare ancora una volta tutto, ma in questo caso sforzati di essere presente e di impedirlo.

Osserva ad esempio un albero senza però definirlo come tale. Non attribuirgli alcun nome, non classificarne la tipologia o la statura. Semplicemente, osservalo senza lasciarti influenzare dalle abitudini della tua mente.

In breve tempo, noterai un profondo cambiamento nel tuo modo di osservare. Riuscirai a notare i dettagli che lo compongono: i contorni, i colori, le dimensioni, senza definirli in alcun modo. Nemmeno attraverso la forma. 

Avvertirai che l’immagine davanti a te non è più piatta come l’hai sempre vista, ma sarà piena, intensa e straordinariamente ricca di vita. La sentirai come parte di te e tu ti sentirai parte di essa.

Gli occhi trasmettono semplicemente un’immagine riflessa, e il cervello la proietta dentro di noi. Ma è da questa proiezione che possiamo cambiare il modo in cui vediamo le cose. Non sono infatti gli occhi a mostrarti le cose in modo diverso, ma sei tu che scegli di vederle per ciò che sono realmente

Pratica questo esercizio quasi quotidianamente, anche solo per pochi minuti al giorno, iniziando dalle cose più semplici. In questo modo, imparerai a coltivare una nuova forma di visione delle cose e della vita. Con il tempo, smetterai anche di etichettare le persone e le vedrai come entità immense e meravigliose, diversamente da quanto hai fatto in passato. E ti renderai conto che per tutto quel tempo ti sei limitato a sole valutazioni superficiali.

È LA VIA PIÙ SEMPLICE AL BENESSERE INTERIORE

Siamo così abituati a cercare soluzioni complesse per problemi piuttosto semplici, che non ci rendiamo nemmeno conto che spesso trascorriamo gran parte del nostro tempo immersi nella sola sofferenza. Quando in realtà, nella maggior parte dei casi, ciò che serve per arricchire e migliorare la nostra esistenza è incredibilmente semplice da ottenere.

E gran parte di ciò si basa sulla nostra capacità di guardare oltre ciò che vediamo con i nostri occhi e che va al di là delle etichette e delle valutazioni che facciamo attraverso la nostra mente e i nostri pensieri.

La strada verso la felicità e la pace interiore è alla portata di tutti, ma la vera sfida verso ciò, sta anche nel trovare il coraggio e la volontà, di lasciar andare il nostro ambiente sicuro. Fatto unicamente di abitudini e di scelte che conosciamo fin troppo bene.

Questo, sarà un meraviglio inizio per poter così abbracciare qualcosa di nuovo e migliore sia dentro che fuori noi stessi. E solo allora, la nostra vita potrà trasformarsi interamente.

Picture of Michele Bosio

Michele Bosio

In cerca di un senso più profondo della mia esistenza, ho deciso di seguire i miei sogni lasciando le soffocanti certezze. Oggi, mentre viaggio per il mondo, coltivo il desiderio di poter aiutare il prossimo a trovare un pò di pace e felicità, nella propria vita.
Condivi l'Articolo:

Potrebbe interessarti anche:

Scrivimi qui sotto il tuo pensiero:

5 1 vote
Article Rating
Ricevi una notifica per i nuovi commenti
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti

Potrebbe interessarti anche: