FIORI DI BACH: L’ELENCO COMPLETO E TUTTI I LORO BENEFICI.

Le malattie che si manifestano nel nostro corpo, sia internamente che esternamente, sono spesso una conseguenza diretta delle sfide emotive che siamo costantemente costretti ad affrontare.

Compromettendo inevitabilmente il nostro benessere fisico, mentale ed emotivo, creando un circolo vizioso che mette a rischio il nostro fragile equilibrio interiore.

Questo concetto, è ben radicato nella medicina Ayurvedica, che insegna come le malattie, siano in realtà il risultato di blocchi emozionali che impediscono il corretto flusso dell’energia nel nostro corpo.

Da questa consapevolezza, esistono infatti diverse terapie che consentono di affrontare questo disequilibrio emotivo. Come per esempio l’Emotional Freedom Technique (EFT), nota anche come tapping. E pratiche come la silvoterapia e il grounding, che liberano l’energia accumulata interagendo con la natura.

Tuttavia, esiste anche un altro metodo naturale per affrontare questi ostacoli ed è attraverso l’uso dei fiori di Bach. Scoperti da Edward Bach. Che dedicò la sua vita, a comprendere la profonda interconnessione tra mente e corpo.

Egli, creò un elenco di 38 rimedi specifici, noti oggi come i fiori di Bach, che agiscono unitamente con l’obiettivo di riequilibrare lo stato emotivo ed energetico della persona. Per poter così risolvere i blocchi emotivi e migliorare significativamente la propria vita.

LE ORIGINI DEI FIORI DI BACH

Il dottor Edward Bach, nato il 24 settembre 1886 in Inghilterra, fu un noto medico, ricercatore, batteriologo e omeopata.

Dopo aver studiato medicina all’Università di Birmingham e al University College Hospital di Londra, Bach fu profondamente influenzato dalle teorie di Samuel Hahnemann, il fondatore dell’omeopatia. Che lo condussero a sviluppare una serie di vaccini omeopatici noti come “i sette nosodi” per il trattamento di malattie croniche.

Negli anni ’20, Bach divenne particolarmente insoddisfatto dei limiti della medicina tradizionale. Criticando che l’uso dei farmaci tradizionali, non facesse altro che sopprimere i sintomi senza tuttavia intervenire sulla reale radice del problema. 

Di fatto, riteneva che stati emotivi negativi come: la paura, l’ansia, la rabbia e la depressione fossero alla base della maggior parte delle malattie fisica. Ed era assolutamente certo, che la malattia non fosse altro che il risultato di un conflitto tra l’anima e la personalità. E che il vero benessere potesse essere raggiunto solo armonizzando questi due aspetti.

Nel 1930, si trasferì nella campagna inglese, abbandonando completamente la sua pratica medica di successo per dedicarsi alla ricerca di rimedi naturali. 

Iniziò perciò a identificare e raccogliere piante e fiori selvatici, sviluppando attraverso esperimenti personali un sistema di 38 rimedi floreali. Dove ciascuno di essi, era destinato a trattare uno specifico stato emotivo o mentale.

L’ESSENZA DELLA FLORITERAPIA

L'ELENCO DI TUTTI I FIORI DI BACH

Ognuno dei 38 fiori di Bach presenti nell’elenco, rappresenta un rimedio per le nostre emozioni. Simbolizzando inoltre la profonda connessione che permea da sempre tra l’umanità e la natura. Ogni fragranza floreale, cattura l’essenza vibrante della pianta da cui proviene, portando con sé la sua energia curativa e la sua profonda saggezza intrinseca.

La scelta dei rimedi floreali, avviene attraverso un atto di auto-conoscenza, intuizione e ascolto profondo delle proprie emozioni. Al fine, di creare una miscela personalizzata che consenta di affrontare in modo più specifico i propri bisogni emotivi unici. Potenziando ulteriormente la via alla guarigione personale.

L’ELENCO DI TUTTI I FIORI DI BACH

I Fiori di Bach comprendono un elenco di 38 essenze, ciascuna formulata per trattare specifici stati. Questi rimedi sono in seguito organizzati in gruppi, ognuno dei quali affronta determinate emozioni e condizioni psicologiche.

Le essenze floreali trasferiscono l’energia e la vibrazione dei fiori direttamente a chi le assume, supportando i diversi stati del processo di guarigione. Mirando unicamente a ristabilire l’equilibrio armonioso tra mente, corpo e spirito.

Poiché è solo cambiando il proprio stato emotivo e l’atteggiamento mentale che è possibile raggiungere una vera guarigione.

GRUPPO 1: PER CHI SOFFRE DI “PAURA”

  • Aspen (Pioppo tremulo)Contro paure sconosciute e ansie senza motivo apparente, promuove la fiducia nell’ignoto.

  • Cherry Plum (Prunus) – Per chi teme di perdere il controllo delle proprie azioni o dei propri pensieri, aiuta a mantenere la calma.

  • Mimulus (Mimolo) – Contro le paure note, come la malattia, la solitudine o la povertà, aumenta il coraggio di affrontarle.

  • Rock Rose (Elicriso) – Per paure acute e terrori, dona forza interiore e coraggio per superare situazioni di emergenza.

  • Red Chestnut (Castagno rosso) – Per eccessiva preoccupazione e ansia per il benessere degli altri, promuove un atteggiamento più calmo e tranquillo.

GRUPPO 2: PER CHI SOFFRE DI “INCERTEZZA”

  • Cerato (Ceratostigma) – Per coloro che dubitano delle proprie decisioni e cercano sempre conferme esterne, aiuta a fidarsi dell’intuito.

  • Gentian (Gentiana) – Contro la disperazione e il pessimismo quando si affrontano ostacoli, rinnova la fiducia nella propria capacità di superarli.

  • Gorse (Ginestra)Per la speranza perduta e il senso di disperazione, ristabilisce la fiducia e la speranza.

  • Hornbeam (Carpino) – Per l’incertezza mentale e la stanchezza mentale prima di affrontare una giornata impegnativa, dona energia e chiarezza mentale.

  • Scleranthus (Scleranto) – Contro l’incapacità di scegliere tra due opzioni, aiuta a prendere decisioni con sicurezza e determinazione.

  • Wild Oat (Avena) – Per chi è insoddisfatto della propria direzione nella vita e cerca un senso di scopo e vocazione.

GRUPPO 3: PER CHI SOFFRE DI “MANCANZA DI INTERESSE”

  • Chestnut Bud (Gemma di Ippocastano) – Per coloro che non imparano dagli errori passati e tendono a ripetere gli stessi errori, favorisce il processo di apprendimento.

  • Clematis (Clematide) – Per chi vive sognando il futuro e trascura il presente, aiuta a radicarsi nel qui e ora.

  • Honeysuckle (Caprifoglio) – Contro la nostalgia del passato, promuove l’accettazione del presente e l’attesa di un futuro migliore.

  • Mustard (Senape) – Per il senso di tristezza senza motivo apparente, riporta la gioia e la serenità interiore.

  • White Chestnut (Ippocastano bianco)Contro i pensieri ricorrenti e le preoccupazioni, promuove la calma mentale e la chiarezza.

  • Olive (Olivo) – Per esaurimento fisico e mentale dopo uno sforzo prolungato, ripristina l’energia e la vitalità.

  • Wild Rose (Rosa canina) – Per chi si sente apatico, rassegnato e accetta passivamente le circostanze, promuove la vitalità e l’interesse per la vita.

GRUPPO 4: PER CHI SOFFRE DI “SOLITUDINE”

  • Heather (Erica) – Per chi è iper-centrato su sé stesso e ha bisogno costante di attenzione e compagnia, aiuta a sviluppare empatia e interesse per gli altri.

  • Impatiens (Balsamina) – Per chi è impaziente e irrequieto, aiuta a rallentare, sviluppare pazienza e comprensione.

  • Water Violet (Viola d’acqua) – Per chi tende ad essere riservato, distante e orgoglioso, aiuta a mantenere l’equilibrio tra la solitudine desiderata e l’interazione sociale.

GRUPPO 5: PER CHI SOFFRE DI “IPERSENSIBILITÀ ALLE INFLUENZE E ALLE IDEE”

  • Agrimony (Agrimonia) – Per chi nasconde dietro un sorriso dolori e preoccupazioni interiori, aiuta ad affrontare i sentimenti repressi.

  • Centaury (Centaurium) – Per chi ha difficoltà a dire di no e a mettere limiti, rafforza la volontà e l’autostima.

  • Walnut (Noce) – Per chi è influenzato dalle opinioni degli altri o da cambiamenti nella vita, protegge e facilita l’adattamento ai cambiamenti.

  • Holly (Agrifoglio)Per sentimenti di gelosia, rabbia e sospetto, promuove amore, tolleranza e compassione.

GRUPPO 6: PER CHI SOFFRE DI “DISPERAZIONE E DISINCANTO”

  • Crab Apple (Melo selvatico) – Per chi prova disgusto per sé stesso o per la propria immagine, favorisce la purificazione mentale e fisica.

  • Elm (Olmo) – Per chi si sente sopraffatto dalle responsabilità temporanee, ristabilisce la fiducia nelle proprie capacità di affrontarle.

  • Larch (Pino laricio) – Per chi ha poca fiducia nelle proprie capacità e ha paura di fallire, aumenta la fiducia in sé stessi e l’autostima.

  • Oak (Rovere) – Per coloro che continuano a lottare senza mai arrendersi nonostante la fatica, dona forza e resistenza.

  • Pine (Pino) – Per chi si sente colpevole e si auto-condanna, favorisce il perdono di sé stessi e la liberazione dalla colpa.

  • Star of Bethlehem (Stella di Betlemme) – Per il trauma emotivo, dona consolazione e aiuta a superare il dolore emotivo.

  • Sweet Chestnut (Castagno dolce) – Per chi è disperato e ha raggiunto il limite della resistenza mentale, dona speranza e rinnovata forza interiore.

  • Willow (Salice) – Per chi è rassegnato e si sente vittima delle circostanze, aiuta a ristabilire la responsabilità personale e la capacità di perdonare.

GRUPPO 7: PER CHI SOFFRE DI “PREOCCUPAZIONE ECCESSIVA PER IL BENESSERE DEGLI ALTRI”

  • Beech (Faggio) – Per chi critica gli altri e ha difficoltà a tollerare le differenze, promuove la tolleranza e l’accettazione.

  • Chicory (Cicoria) – Per chi è iper-protettivo e possessivo, aiuta a esprimere amore incondizionato e desiderio genuino per il benessere degli altri.

  • Vervain (Verbena) – Per chi è iper-attivo e ha una forte convinzione nelle proprie idee, aiuta a rilassarsi e ad accettare opinioni diverse.

  • Vine (Vite) – Per chi è dominante e ambizioso, ma può essere autoritario e inflessibile, promuove la leadership compassionevole e l’empatia.

  • Rock Water (Acqua di roccia)Per chi è eccessivamente rigido con sé stesso e ha aspettative irrealistiche, promuove la flessibilità mentale e il rilassamento.

FIORI DI BACH: IL REMEDY RESCUE

Il Rescue Remedy è una delle formulazioni più famose dei Fiori di Bach, creata per affrontare situazioni di forte stress, emergenze emotive acute o momenti di crisi. È composto prevalentemente da cinque fiori che sono:

  • Rock Rose (Elicriso): Per affrontare situazioni di paura intensa o panico.

  • Impatiens (Balsamina): Aiuta a gestire l’irritabilità e l’impazienza.

  • Cherry Plum (Prunus): Per il timore di perdere il controllo delle proprie emozioni.

  • Star of Bethlehem (Stella di Betlemme): Aiuta a mitigare il trauma emotivo e il dolore.

  • Clematis (Clematide): Promuove la presenza mentale e l’attenzione nel qui e ora.

Questo piccolo elenco di cinque fiori di Bach, è combinato per creare una miscela equilibrata che mira a calmare, ristabilire l’equilibrio emotivo e favorire un senso di tranquillità durante momenti di stress intenso o di emergenza.

COME POTERLI ASSUMERE E QUALI SONO GLI EFFETTI COLLATERALI

Generalmente, si prendono quattro gocce direttamente sotto la lingua oppure diluite in un po’ d’acqua, e lo si fa per quattro volte al giorno.

Nonostante non ci siano effetti collaterali noti e possano inoltre essere utilizzati da persone di tutte le età, compresi i bambini, è importante tuttavia consultare un esperto per poter ottenere un trattamento adeguato in base alle proprie esigenze emotive, fisiche e mentali.

COME AVVIENE LA PREPARAZIONE

I rimedi floreali di Bach, sono preparati con metodi specifici per estrarre l’essenza terapeutica dei fiori. Esistono infatti due principali metodi di preparazione: il Metodo del Sole e il Metodo della Bollitura.

  • Nel Metodo del Sole, i fiori freschi sono raccolti in una giornata soleggiata quando si incontrano al massimo della loro fioritura. È assolutamente importante far presente che i fiori devono essere completamente sani e non danneggiati. Successivamente vengono poi immersi in acqua di fonte e lasciati al sole per tre ore. In quel momento, l’energia solare trasferisce l’essenza del fiore nell’acqua, creando la “tintura madre”.

  • Il Metodo della Bollitura, invece, è usato per fiori più duri; i quali vengono bolliti per 30 minuti, per poi essere raffreddati. L’acqua dell’infusione viene poi filtrata per ottenere nuovamente la “tintura madre”.

Per conservare la tintura madre ottenuta da uno o da entrambi i metodi, viene aggiunto del brandy in rapporto 1:1. Per poi infine diluire il composto per creare il rimedio finale.

Le essenze dei fiori di Bach possono essere personalizzate combinando fino a sette essenze floreali diverse: Creando soluzioni su misura per le esigenze emotive individuali.

Picture of Michele Bosio

Michele Bosio

In cerca di un senso più profondo della mia esistenza, ho deciso di seguire i miei sogni lasciando le soffocanti certezze. Oggi, mentre viaggio per il mondo, coltivo il desiderio di poter aiutare il prossimo a trovare un pò di pace e felicità, nella propria vita.
Condivi l'Articolo:

Potrebbe interessarti anche:

Scrivimi qui sotto il tuo pensiero:

5 1 vote
Article Rating
Ricevi una notifica per i nuovi commenti
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti

Potrebbe interessarti anche: