L’ORIGINE DEL “MANTRA OM” E COME USARLO PER CURARE MENTE E CORPO.

Sono molte le pratiche a cui possiamo dedicarci ogni giorno, per poter riscoprire una pace duratura nel corso della nostra vita. Come per esempio la meditazione, il Qi gong, lo yoga, il didgeridoo, e moltissime altre ancora. 

Tuttavia, tra tutte queste preziose esperienze che ci conducono verso una maggior consapevolezza ed equilibrio interiore, spicca, anche la pratica millenaria dei mantra. Ovvero la recitazione di suoni sacri, mistici e primordiali, che si crede abbiano dato persino vita all’universo stesso.

La parola “Mantra“, porta infatti con sé un significato profondo, ovvero “trascendere la mente”. Ed è profondamente legato sia al buddismo che nell’induismo, risuonando da millenni, come un canto di pace e serenità. Che rivela, il potere di una meditazione sonora, capace di trasformare e curare il corpo e la mente.

Il Mantra Om, in particolare, ha attraversato secoli e secoli di storia, rimanendo ancora oggi, una pratica rinomata in molte culture del mondo. Questo “incantesimo sonoro” può inevitabilmente aprire le porte a uno stato di profonda pace interiore e connessione con l’universo. Offrendo la possibilità di crescere, cambiare e trasformare profondamente il nostro essere.

L’ORIGINE DELL’UNIVERSO ATTRAVERSO IL “MANTRA OM”

All’inizio dei tempi, non c’era nulla, solo un vuoto infinito e silenzioso, dove l’oscurità sconfinata dominava su ogni cosa. Non esisteva perciò la vita, né la luce e nemmeno le stelle e i pianeti.

Tuttavia, da questo oceano primordiale, nacque un fiore di loto puro e luminoso, dove al suo interno c’era un bambino addormentato. Li, riposava candidamente Brahma, il dio creatore

Brahma, era l’incarnazione della conoscenza e della saggezza, e possedeva il potere di dare vita all’universo. Quando si svegliò, aprì gli occhi e guardò intorno a sé, vedendo solo il vuoto e l’oscurità completa. Sapeva nel suo profondo che era compito suo dover creare un’universo bello e armonioso, dove tutte le creature potessero vivere in pace e prosperità.

Per compiere questo atto divino, Brahma si concentrò profondamente e chiuse gli occhi. Poi, con una voce potente e vibrante, pronunciò il sacro mantra Om. Che risuonò attraverso il vuoto cosmico, creando una vibrazione che diede origine alla materia, all’energia e al tempo.

Dalla vibrazione del mantra Om nacquero poi le stelle, le galassie, i pianeti e tutte le forme di vita. Cosicché l’universo intero si espanse e si riempì di luce, colore e movimento.

Ma Brahma, sapeva bene che la sua opera non era ancora completa. Doveva di fatto dare a questo nuovo universo un ordine e una struttura. Così, divise il tempo in giorni, notti, mesi, anni e stagioni. Creò le montagne, i fiumi, gli oceani e le foreste. E modellò la terra dando vita a tutte le creature viventi: dagli insetti più piccoli agli elefanti più grandi.

IL PONTE TRA L’ESSERE INTERIORE E L’ENERGIA UNIVERSALE

La potenza del “mantra Om”, risiede nella sua vibrazione sonora positiva, che agisce come un ponte tra il mondo interiore dell’essere umano e l’energia universale che ci circonda. Riequilibrando ogni cosa, compreso il corpo e la mente. 

L’Om, è considerato un suono antico e sacro, presente già, nei primi testi dei “Veda” il cui nome si traduce come “conoscenza“. E che non sono altro che i testi religiosi più antichi dell’Induismo contenenti: Inni, narrazioni storiche, poesie, preghiere, canti, riti e consigli per la vita quotidiana.

All’interno del “Rgveda“, ovvero uno dei quattro principali testi legati al Veda, viene inoltre menzionato come il mantra sacro dell’Om si diffonda nell’intero universo. Definendolo un suono unico, che contiene l’essenza di tutto ciò che esiste.

Storicamente, i Veda esistevano in forma unicamente orale, tramandata perciò dal maestro allo studente per le diverse generazioni a venire. Fino a quando tra il 1500 e il 500 a.C. in India, vennero messi poi per iscritto in sanscrito.

TUTTI I BENEFICI LEGATI AL MANTRA OM

I BENEFICI LEGATI AL MANTRA OM

Il mantra Om, è uno dei più antichi e potenti al mondo. Ed è stato utilizzato per millenni in pratiche spirituali e meditative in diversi parti dell’Asia, fino ad espandersi poi in tutto il mondo.

La ripetizione costante, aiuta infatti a portare le mente in uno stato di profonda calma e concentrazione, offrendo inoltre una serie di benefici che influiscono sui diversi livelli fisici e mentali della persona.

AUMENTA LA CONCENTRAZIONE E LA CHIAREZZA MENTALE:

Il mantra “Om” è spesso accompagnato da diverse pratiche come: la meditazione e lo yoga. Poiché questo particolare suono, favorisce un miglioramento della nostra concentrazione e nella focalizzazione mentale.

La vibrazione che si crea, ha infatti un effetto calmante sulla mente, aiutandoci a raggiungere uno stato di calma e tranquillità interiore. E questo, permette di focalizzare e canalizzare, una maggiore attenzione sul proprio pensiero e sulla consapevolezza.

RIDUCE L’ANSIA E LO STRESS:

La costante pratica contribuisce a ridurre l’ansia e lo stress. Le vibrazioni prodotte, stimolano i centri nervosi del corpo, regolando l’attività del sistema endocrino, responsabile della produzione di sostanze chimiche associate a questi due stati d’animo. 

L’attenzione sul suono invece, promuove una profonda armonia, favorendo anche una maggiore consapevolezza del momento presente.

RAFFORZA IL MIDOLLO SPINALE:

Recitare il mantra da seduti con la schiena dritta come se fossimo in meditazione, ha un impatto positivo sulla salute del nostro midollo spinale. Le vibrazioni, soprattutto durante la pronuncia della prima sillaba, agiscono direttamente sulla base della colonna vertebrale, rivitalizzandone i nervi

Si ritiene anche che il suono “Om”, armonizzi i centri energetici del nostro corpo, conosciuti meglio come chakra, favorendone un flusso equilibrato di energia in tutto il nostro organismo.

AUMENTA L’OSSIGENO NEL SANGUE E FAVORISCE LA DIGESTIONE:

Una giovane ragazza Indiana di 14 anni, ha scoperto che il suono di questo particolare canto sacro aiuta non solo a ridurre la fatica. Ma ad aumentare anche l’ossigeno nel sangue, donando un effetto calmante sul cuore, mantenendone così, il suo ritmo naturale. E stimolando inoltre il nervo vago, migliorandone la digestione.

La ragazza, ha trovato ispirazione per questa ricerca osservando dei monaci che trasportavano pesanti giare d’acqua, percorrendo ogni giorno circa 70km a piedi. Durante il loro cammino infatti, i monaci recitavano in continuazione il mantra Om, non mostrando alcuna stanchezza nel percorrere la lunga via.

AIUTA NELL’ESPANSIONE DELLA CONSAPEVOLEZZA:

Il mantra Om rappresenta l’unità dell’essere e il ciclo dell’esistenza. E difatti, viene spesso utilizzato come mezzo per potersi connettere con la propria essenza spirituale e con il mondo circostante.

La sua devota ripetizione, favorisce un profondo stato di presenza consentendo di sperimentare una maggiore profondità e chiarezza nella percezione della realtà.

LA PRONUNCIA CORRETTA DEL MANTRA OM

La pronuncia di questo antico mantra, può cambiare a seconda delle differenti tradizioni. Ma generalmente è formato da tre sillabe, “A-U-M”, oppure “OH UM”. 

(A): Per pronunciare la sillaba “A” bisogna aprire leggermente la bocca e con la lingua rilassata pronunciare un suono lungo e aperto, emettendo il suono facendolo provenire dal basso addome. Secondo la tradizione induista la pronuncia della sillaba “A”, rappresenta la divinità “Brahma“, noto anche come la divinità dedita alla creazione dell’universo.

(U): Per la pronuncia della seconda sillaba, con le labbra si forma una piccola rotondità pronunciando il suono “U”. Questo è leggermente più chiuso, rispetto alla sillaba precedente e il suono dovremmo sentirlo vibrare nel palato e nella gola. Fino a permettergli di raggiungere, una zona in particolare del nostro corpo alla quale staremo prestando attenzione. Se la nostra attenzione sarà rivolta allo stomaco, oppure alle spalle, allora sarà esattamente li che la vibrazione giungerà. Questo perché, siamo solo noi a poter indirizzare correttamente la vibrazione ottenuta dal mantra Om.

Questo suono centrale, induce alla profondità del sé e rappresenta la divinità di Vishuu, responsabile della preservazione dell’universo.

(M): E infine per l’ultima sillaba chiudiamo le labbra, formando un suono quasi nasale che produce una vibrazione all’interno della cavità nasale, rilasciando cosi il suono e l’aria in maniera lenta e controllata. Questa ultima sillaba rappresenta invece Shiva, la divinità dedita alla distruzione dell’universo. 

Giunti all’ultima sillaba, lasceremo che il suono si dissolva nel silenzio, ascoltando attentamente solo le sensazioni e le vibrazioni che si muoveranno in noi. Per poi riprendere nuovamente a intonarne il canto.

IL PROFONDO SIGNIFICATO DEL SIMBOLO “OM”

IL PROFONDO SIGNIFICATO DEL MANTRA OM

Il simbolo dell’Om (ॐ), è composto da tre curve che rappresentano tre entità, legate all’induismo: Brahma il creatore, Vishuu il conservatore e Shiva il distruttore. Queste tre entità divine rappresentano i cicli di creazione, conservazione e distruzione dell’universo. 

Oltre a ciò però, le tre curve di cui il simbolo dell’Om è composto, rappresentano anche i tre stati di coscienza dell’essere umano: Lo stato di sonno profondo (Sushupti), ovvero lo stato in cui non c’è alcun desiderio e non si sogna nulla. Ed è situata sulla punta più alta di quello che sembra essere semplicemente un numero tre.

Successivamente c’è il secondo stato, la veglia (Jagrat) ovvero il momento in cui sperimentiamo la realtà che ci circonda. Situata questa volta, nella parte bassa di ciò che sembra sempre essere un numero tre.

E infine lo stato che si forma tra il sonno e la veglia (Swapna) e che rappresenta l’immersione nella coscienza per raggiungere la profondità del proprio se. Situato invece quasi centralmente all’interno del simbolo OM. 

La mezzaluna (Maya) rappresenta successivamente la barriera tra la beatitudine e i tre stati di coscienza. Mentre Il punto sospeso in alto (Turiya), rappresenta lo stato di coscienza più elevato, ovvero lo stato elevato di trascendenza, che permette il raggiungimento della pace interiore.

Questa sillaba primordiale è stata analizzata da innumerevoli fonti della letteratura indiana. E alcuni testi definiscono l’Om come la più pura espressione della totalità. Considerandolo infatti, come il suono primordiale che ha dato origine a tutto l’universo.

Il simbolo dell’Om rappresenta perciò la connessione tra tutti gli esseri viventi e l’universo, mostrando che tutto ciò che ci circonda fa in realtà parte di un tutt’uno più grande.

COME PRATICARE IL MANTRA OM DURANTE LA GIORNATA QUOTIDIANA.

Vivendo una vita frenetica, ci rendiamo spesso conto di non poter dedicare sufficiente tempo al nostro benessere. Ma tuttavia durante il corso della nostra giornata, possiamo fare ricorso a diverse pratiche per migliore la nostra salute. Integrando la pratica del mantra Om, per ottenere maggiori benefici.

Alcune delle modalità classiche che spesso usiamo, sono associate alla meditazione e allo yoga. Tuttavia, possiamo praticare questa attività abbinandola anche al respiro consapevole. Basta infatti scegliere diversi momenti della nostra giornata, in cui ci dedichiamo per pochi minuti a respirare consapevolmente, concentrandoci unicamente sul nostro respiro.

Adottando questa pratica per più volte al giorno, non solo avremo i benefici generati dalle vibrazioni emesse. Ma impareremo anche a rallentare il ritmo dei nostri pensieri, portando la nostra concentrazione al solo respiro.

Incorporare questa pratica nella nostra routine quotidiana, ci può aiutare a trovare dei momenti di calma e tranquillità. Fornendoci una breve pausa ristoratrice dalla frenesia della nostra vita, riducendo lo stress e l’ansia alla quale siamo spesso soggetti.

Picture of Michele Bosio

Michele Bosio

In cerca di un senso più profondo della mia esistenza, ho deciso di seguire i miei sogni lasciando le soffocanti certezze. Oggi, mentre viaggio per il mondo, coltivo il desiderio di poter aiutare il prossimo a trovare un pò di pace e felicità, nella propria vita.
Condivi l'Articolo:

Potrebbe interessarti anche:

Scrivimi qui sotto il tuo pensiero:

5 1 vote
Article Rating
Ricevi una notifica per i nuovi commenti
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti

Potrebbe interessarti anche: